Crea sito
73   274
78   241
65   215
56   293
93   305
73   300
89   325

Il viaggio di 30 mesi degli Agoba per riscoprirsi

Un viaggio riesce a farti scoprire lati di te che non conoscevi, può farti cambiare idea su quella che volevi fosse la tua vita e il tuo futuro.

Davanti allo schermo, trovo due ragazzi con degli splendidi sorrisi. Trascorsi i primi minuti di presentazioni iniziamo subito ad entrare nel vivo della nostra chiaccherata.

Loro sono gli AGOBA e questa è la loro intervista:

VIAGGIO
RAGAZZI CHE SI ABBRACCIANO
AGOBA

Diana e Yusei si sono conosciuti nel 2015 a Firenze, dove entrambi lavoravano come commessi.

Diana ha studiato moda, e Yusei è un modellista. Il loro viaggio è durato 30 mesi senza mai tornare a casa.

Il viaggio che li ha visti attraversare Mongolia, Cina, Giappone, Filippine, Indonesia, Australia, Nuova Zelanda, Vietnam, Laos, Cambogia, Thailandia, Malesia, Borneo.

Un viaggio alla scoperta di se stessi, che gli dato anche, una visione più ampia sulle problematiche ambientali che abbiamo sul nostro Pianeta.

Negli ultimi mesi di viaggio hanno iniziato a ripulire le spiagge, immaginando di aprire un b&b, che avesse il minimo impatto ambientale. Sono però certi, che se non fossero partiti e non avessero visto un mare così tanto inquinato, questa idea nemmeno gli avrebbe sfiorati.

Quali sono state  le motivazioni che vi hanno spinto a partire per il vostro viaggio?

D: Tutto è nato dalla voglia  dare un cambiamento alla monotonia che stava prendendo il sopravvento nella nostra quotidianità a Firenze. Il primo giorno che abbiamo preso casa insieme mi sono resa  conto di non essere soddisfatta della vita che stavo facendo.

VIAGGIO

DIANA SEDUTA IN RIVA AL MARE
DIANA

D: La vita che avevamo non rispecchiava al 100% quello che volevo fare, mi sono detta: ho 25 anni voglio conoscermi, ascoltarmi, conoscere altre culture. Propongo a Yusei di andare a Londra. Io già avevo fatto un esperienza, e nonostante lui fosse soddisfatto del suo lavoro e della vita a Firenze, accetta la mia proposta. Nasce nasce cosi l’idea di fare un anno sabbatico.

Y: Decidiamo di partire dal Giappone, visto che lì avevo la mia famiglia. Poi seduti al tavolino ci siamo detti ” però dai come zona potremo allungare fino alla Cina, però anche alle Filippine etc etc…

Quando siete partiti quali erano le esperienze che pensate di vivere, o che speravate di vivere?

D: Sicuramente la realtà da Backpacker

Viaggio
ragazzi davanti a templio
Siem Rep

.

Vivere lontano dalle comodità e cimentarsi nella vita delle persone dei luoghi che visitavamo, mettersi in gioco e conoscere usanze diverse dalla nostra.

In questi 30 mesi in viaggio come vi siete mantenuti?

D-Y: Abbiamo iniziato a metterci i soldi da parte 1 anno prima. Ma erano davvero una piccola cifra, così ci siamo dati un budget di 15€ al giorno. In posti però come la Cina, Loas, Cambogia ne abbiamo spesi decisamente meno. Fermandoci in luoghi come la Nuova Zelanda o l’Australia, facendo il WORKING HOLIDAY VISA https://www.australia.com/en/youth-travel/working-holiday-visa/faq.html, siamo riusciti a mettere da parte qualcos’altro che ci ha permesso di continuare il nostro viaggio.

D: Viaggiando con i mezzi pubblici, facendo CouchSurfing https://it.wikipedia.org/wiki/CouchSurfing e con un pò di adattamento, si può davvero viaggiare per mesi con pochissima spesa.

Una volta rientrati a casa, il viaggio come ha cambiato il vostro modo di approcciarvi e vivere la vostra vita?

viaggio
ragazzi per mano su una rotaia
Hanoi

D: è cambiato il nostro approccio al cambiamento. Svegliarsi la mattina con calma e godersi un alba. Vivere le giornate lentamente, imparando anche dalle persone del luogo, ti insegna l’importanza di prendere del tempo per te stesso.

D-Y: Prendere i problemi e le difficoltà con più filosofia, e cercare di trarre sempre il lato positivo da ogni situazione. Abbiamo capito il significato di vivere il presente, il famoso “qui e ora”. Cercando di apprezzare ogni momento e imparando ad approcciarci alla vita con una chiave di lettura totalmente diversa.

Quali consigli dareste a chi vuole fare un esperienza come la vostra, ma si sente bloccato dalla paura di circostante diverse, sicurezza etc?

Y: Essere in coppia ci ha fatto essere più sereni, perché ovviamente ti riesci a supportare a vicenda. Se c’è da fare qualcosa non ci pensi due volte.

D: Penso che sicuramente fare un’esperienza del genere in due possa avere i suoi vantaggi. Da solo magari ti puoi peritare a fare delle cose, ma è altrettanto emozionante e bello fare determinate esperienze anche se soli. Purtroppo la società in cui viviamo ( soprattutto per le donne) ci mette “paura“, nel fare esperienze in solitaria. Ma basta mettere il naso fuori casa, per rendersi conto che le paure sono infondate. Uno dei paesi dove, ad esempio, mi sono sentita sicura ad ogni ora è la Cina.

<< Se ne fate un problema di soldi, non fatevelo. Scoprirete che per alcuni paesi ci vuole molto meno di quello che pensate. Quando sarà possibile, assolutamente partite, perché è una delle esperienze più belle e gratificanti che si possa fare.>>

Un luogo da cui partire? L’ Australia per un esperienza di lavoro, con viste straordinarie!

Quale è stato l’insegnamento più grande che avete portato a casa da questa esperienza? E che vi ha confermato il Mondo ormai è la vostra casa?

ragazzi seduti davanti ad una tenda

D: La consapevolezza di noi stessi e del tempo. Abbiamo capito che la diversità ci accomuna tutti. Sono i piccoli passi che ti conducono alla felicità.

Y: Chi viaggia, aprendosi alla cultura,  diventa un cittadino del Mondo.  L’occhio si amplia sul Mondo intero. Da li, ti rendi conto realmente di tutte le problematiche che ci sono. Inquinamento, surriscaldamento globale e inizi a smettere di guardare solo quello che hai davanti. Riesci ad avere una visione diversa di tutto ciò che ti circonda.

Come dargli torto?

Diana e Yusei attraverso il viaggio si sono imparati a conoscere, hanno capito dell’importanza del vivere ogni attimo. Siamo bombardati di notizie, di cose da fare, di impegni, che spesso dimentichiamo la cosa più importante. NOI STESSI.

Diana e Yusei attraverso il viaggio si sono imparati a conoscere, hanno capito dell’importanza del vivere ogni attimo. Siamo bombardati di notizie, di cose da fare, di impegni, che spesso dimentichiamo la cosa più importante. NOI STESSI.

Dopo aver ascoltato la loro storia, non posso che auguragli il meglio e fargli un grandissimo imbocca al lupo.

Se vuoi seguirli su ig clicca https://www.instagram.com/_agoba_/

Se questo blog post ti è piaciuto, o vorresti saperne di più lasciami un commento qui sotto ti risponderò quanto prima.

Follow:
arianna

Ciao!
Sono Arianna Zappia travel blogger e content creator
Quando sono in Italia amo scoprire la Toscana e consigliare i luoghi più belli e caratteristi attraverso itinerari e recensioni di strutture.
Quando posso scappo in Asia viaggiando in modo lento facendo esperienze a contatto con le persone locali.

Find me on: Web | Instagram | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.